Vai al contenuto

Orto botanico di Abetone, una foresta nella foresta

18 luglio, 2022 / Fontana Vacaia (Abetone Cutigliano), Toscana

L’orto botanico forestale di Abetone, parte integrante del progetto Ecomuseo della Montagna Pistoiese (che include anche la Via della castagna e del carbone a Orsigna), si trova nella Valle di Sestaione, all’interno del comune di Abetone Cutigliano (Pistoia). Situato ad una altitudine di circa 1300 m, il giardino nasce nel 1987 con l’intento di preservare e promuovere la flora e la vegetazione locale appenninica, di cui fanno parte specie arboree e arbustive, piante spontanee, endemiche, medicinali, velenose e rare. Non soltanto una semplice passeggiata ma anche un modo per approfondire il mondo vegetale e educare noi e le generazioni future.

Orto botanico di Abetone

L’orto botanico si sviluppa all’interno della foresta appenninica, in un’area dove sono state ricreate in piccola scala alcune tipologie di ambienti caratteristici della zona: il bosco (con alcune specie come il faggio e l’abetina), la brughiera a mirtillo, l’area umida peculiare con la riproduzione di un laghetto di montagna (ospita specie come il tritone alpestre, la rana alpina, ecc.), la torbiera, la parte rocciosa con la sua vegetazione tipica e il masso lichenico (i licheni sono bio-indicatori di un aria pulita).

La foresta di faggio e abetina

Il faggio costituisce la principale componente della foresta appenninica al quale si aggiunge l’abete bianco e rosso, l’acero di monte, il sorbo degli uccellatori ecc. Vista l’alta altitudine in cui si trova l’orto, al suo interno mancano le specie delle altitudini inferiori come carpini e castagni. Tra le erbe del sottobosco si incontrano il geranio, l’anemone, ecc.

orto botanico abetone inizio sentiero
  • Save
inizio del sentiero nell'abetina
sentiero funghi
  • Save
Sentiero dei Funghi

Vaccinieto (Brughiera a mirtillo)

Si tratta di una brughiera composta da arbusti bassi di mirtillo nero e falso mirtillo. Grazie ai cartelli esplicativi e alla presenza delle piante, si può capire meglio le differenze tra queste due specie, visto che il falso mirtillo in alte dosi può essere tossico ed è meglio saperlo riconoscere. Sempre in quest’area non mancano l’iperico, il ginepro nano, la genziana porporina, ecc.

Torbiera

La torbiera è un’area dove il suolo è sempre impregnato d’acqua e privo di ossigeno e i residui vegetali che si sedimentano non si decompongono ma vanno a formare la “torba”. Alcune piante tipiche sono la genziana, la parnassia palustre, l’erba unta (pianta carnivora che si nutre degli insetti che rimangono intrappolati sulle sue foglie appiccicose), ecc.

brughiera di mirtilli
  • Save
brughiera di mirtilli
fragoline di bosco
  • Save
fragoline di bosco

Roccaglia Silicea

Le roccaglie sono degli ambienti di prateria dove la roccia silicea (detta anche macigno) è quella predominante. Habitat per piante acidofile come le ericacee, il rododendro, i mirtilli, il sambuco rosso, il timo, ecc.

Leggi anche:

L’orto botanico si trova in una zona ricca di trekking, come quelli che portano al Lago Nero, Val di Luce

orto botanico abetone laghetto
  • Save
laghetto di montagna
orto botanico abetone masso lichenico
  • Save
Masso lichenico e la casetta delle guide

Il Percorso all'interno dell'Orto botanico di Abetone

Visto che la superficie dell’orto è davvero piccola (circa 1 km), la camminata al suo interno può essere svolta a piacere seguendo i sentieri delimitati dalle staccionate in legno. Per avere un’idea di come orientarsi, all’entrata è disponibile un pannello con la mappa dei percorsi con i maggiori punti d’interesse. Il percorso non presenta alcuna difficoltà tecnica e viene interamente fatto su fondo sterrato boschivo (non adatto alle carrozzine o disabili). È preferibile indossare una scarpa adatta. Grazie alla cartellonistica esplicativa presente lungo il sentiero, si riesce ad approfondire meglio il patrimonio vegetale della montagna appenninica.

Materiale utile:

All’interno della brochure, a parte ad una piccola descrizione dell’orto, troverete anche la mappa del percorso da seguire, (Fonte: Ecomuseo della Montagna Pistoiese)

orto botanico abetone casetta delle guide
  • Save
Casetta delle guide all'interno dell'orto
sentiero lungo il torrente sestaione
  • Save
il sentiero lungo il torrente Sestaione

Come arrivare all'Orto botanico di Abetone

Per chi arriva da Pistoia, bisogna seguire le indicazioni verso SR 66 San Marcello Pistoiese – Abetone. Una volta arrivati nella località Casotti di Cutigliano, proseguire a sinistra, in direzione Pian degli Ontani Pian di Novello. Da qui continuare sulla SP 20 verso Abetone, poi svoltare a sinistra per l’orto botanico.

L‘ingresso all’orto botanico dell’Abetone viene fatto soltanto dal cancello principale, situato vedi Google Maps. Da non confondere con la prima area pic-nic con la tettoia allestita per barbecue. All’entrata si trova un’area parcheggio abbastanza ampia, con sosta gratis e area pic-nic.

Visite all'Orto botanico di Abetone

Le visite vengono fatte durante l’apertura estiva (quest’anno 2022, dal 2 luglio al 4 settembre con il seguente orario: dal martedì alla domenica 09:30 – 12:30 e 15:00 – 18:00). In caso di maltempo l’orto viene chiuso.

L’ingresso costa € 4,00 / pers. Biglietto ridotto € 3,00 / pers. per i residenti Montagna Pistoiese, Soci Coop, Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti, Abbonati Camperlife. Le visite guidate sono incluse nel prezzo. Il biglietto si acquista presso la Casetta delle Guide (dove è presente anche un negozio souvenir) all’interno dell’orto.

Per avere più info potete contattare: [email protected], il numero verde 800 974102 o rimanere aggiornati tramite la pagina di Facebook.

Tip:

All’interno dell’orto è consentito l’accesso agli animali solo al guinzaglio. Non è permesso mangiare o raccogliere le piante.

Ultimo aggiornamento: luglio, 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy link
Powered by Social Snap